25 Marzo 2020
PSR 2014/2020 – Bando 5.2_2020

Allagamenti e frane_4Si comunica che la Regione Toscana nell’ambito del PSR 2014-2020 ha pubblicato il bando per la Misura 5.2 “Sostegno a investimenti per il ripristino dei terreni agricoli e del potenziale produttivo danneggiati da calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici”.

Le risorse disponibili: 4,437 milioni di euro.

Scadenza: le domande di aiuto devono essere presentate utilizzando la modulistica presente sull'anagrafe ARTEA  a partire dal 15/05/2020 ed entro le ore 13.00 del 30/06/2020.

Beneficiari: sono ammessi a presentare domanda e a beneficiare del sostegno le imprese agricole e le cooperative che svolgono l’attività di produzione agricola nei comuni  di: Arezzo, Anghiari, Monterchi, Sansepolcro, Monte San Savino, Civitella in Val di Chiana, Marciano della Chiana, Lucignano, Castiglion Fiorentino e Foiano della Chiana,  colpiti da calamità naturale nei giorni 27 e 28 luglio 2019.

Tipo di agevolazione: il tasso di contribuzione previsto per tutti gli investimenti, comprese le spese generali, è pari al 100% dei costi ammissibili. L’ammontare della percentuale di contribuzione potrà essere diminuita, al fine di riconoscere un indennizzo a tutte le aziende danneggiate. Gli aiuti concessi ai sensi del presente atto sono ridotti del 50%, qualora i beneficiari non avessero stipulato una polizza assicurativa a copertura di almeno il 50% della loro produzione media annua o del reddito ricavato dalla produzione stessa.

Il contributo minimo previsto è pari ad € 5.000, mentre quello massimo previsto è pari ad € 200.000.

Finalità. Il presente bando è finalizzato al sostegno degli investimenti per il ripristino dei terreni agricoli e del potenziale produttivo, danneggiati da calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici nei giorni 27 e 28 luglio 2019.

Interventi ammissibili: i costi ammissibili devono fare riferimento a:

  • Ripristino/ricostruzione delle strutture aziendali danneggiate o distrutte;
  • Acquisto di impianti, macchinari, attrezzature in sostituzione di quelli danneggiati o distrutti, o ripristino degli stessi;
  • Ripristino di miglioramenti fondiari danneggiati, quali impianti frutticoli, olivicoli, di arboricoltura da legno, impianti irrigui fissi, sistemazioni idraulico-agrarie dei terreni agricoli;
  • Ripristino del potenziale produttivo quale scorte vive e morte, danneggiate o distrutte.

Gli aiuti sono subordinati alle seguenti condizioni:

  • esista un nesso causale diretto tra la calamità naturale e il danno subito dall’impresa;
  • il verificarsi della calamità naturale abbia causato la distruzione di non meno del 30% del potenziale produttivo interessato dal danno;
  • tutti gli investimenti siano ammessi esclusivamente nei limiti di ripristino della capacità produttiva esistente prima del fenomeno calamitoso oggetto d’intervento;
  • Il contributo della presente misura potrà essere cumulato con eventuali indennizzi assicurativi privati fino alla concorrenza del danno e purchè non si superi il 100% del valore del bene indennizzato;

Gli uffici CAA Coldiretti Arezzo sono a disposizione per fornire tutte le informazioni utili sul bando, contatta il punto più vicino a te!