89 Views

25 Febbraio 2009
MOBILITAZIONE: MARCELLI RILANCIA

Tulio Marcelli, presidente di Coldiretti Toscana oltre che di Coldiretti Arezzo, l’uomo che ha guidato la manifestazione degli agricoltori lo scorso 27 novembre a Firenze, ha rilanciato i temi della mobilitazione, di fronte all’esercito "giallo" che, lunedì scorso, ha "marciato" di nuovo sul capoluogo toscano.
Dopo Santa Croce, Palazzo degli Affari: dalla piazza al meeting per fare il punto della situazione e proseguire dritti verso la meta, il suo progetto declinato in chiave regionale: la costruzione di una filiera tutta agricola, firmata e toscana.
"Coldiretti non si ferma né si accontenta dei numerosi obiettivi centrati in questi ultimi mesi, da quando, con la dichiarazione della mobilitazione e, ancor di più, dopo aver preso d’assedio Firenze, con uomini e trattori, è riuscita a riportare l’agricoltura in primo piano – ha detto Marcelli alle trecento persone che hanno seguito i lavori -. La grande manifestazione del 27 novembre ha contribuito a restituire centralità al settore, anche nell’agenda degli amministratori, non solo, come accade ormai da tempo, all’interno della società, tra i cittadini che si affidano alle imprese agricole per avere prodotti e servizi di qualità, rispettosi della salute e dell’ambiente. La pacifica marcia sul capoluogo toscano è tornata a far pesare un comparto a cui la Regione aveva gradualmente sottratto attenzione. Non è un caso se, negli ultimi tre mesi, si sono sbloccate questione aperte da anni. Come la modifica della legge urbanistica, che, con le sue disposizioni, contribuiva a frenare gli investimenti delle imprese agricole".
La chiamata a raccolta tutta la struttura, con cui Coldiretti opera sul territorio regionale, è un altro passo avanti sulla strada della mobilitazione, è servita a mettere a fuoco i prossimi obiettivi da raggiungere, obiettivi ritenuti strategici per il futuro dell’agricoltura toscana.
"Al primo punto c’è l’emergenza ungulati – ha detto il Presidente -. Dopo il flop della conferenza sulla caccia, la mancata sottoscrizione delle linee di indirizzo individuate dalla Regione e gli impegni assunti dal Presidente Claudio Martini, vogliamo che si passi dalle parole ai fatti. Il timore è che, una volta abbassati i riflettori, si perda di vista la gravità della situazione e, di conseguenza, gli interventi subiscano un rallentamento. Il numero esorbitante dei selvatici è e resta una delle priorità da risolvere per assicurare un futuro alla nostra agricoltura. Noi lo ribadiremo nei prossimi giorni, attraverso una serie di incontri sul territorio. Solleciteremo i Prefetti e i rappresentanti delle istituzioni locali a intervenire sul governatore toscano per sollecitare azioni concrete, drastiche e immediate, che si possono avere solo azionando le leve normative".
Altro tema scottante, inserito da Coldiretti nella hit delle urgenze per il futuro delle imprese è la modifica della legge 30/03 che regola l’attività agrituristica: "una norma recente, ma ampiamente superata, sia dall’evoluzione del quadro normativo nazionale, sia dalle nuove esigenze espresse dal mercato. La Regione, da anni, tiene in stand by l’operazione. Peggio ancora: ci giunge notizia che gli uffici si siano già messi al lavoro, senza neppure interpellarci. L’impressione è che ancora una volta la Regione abbia scelto di procedere con il vecchio metodo, facendo elaborare idee e progetti ai tecnici, nelle stanze del Palazzo, senza alcun indirizzo politico, senza alcun riscontro oggettivo con i bisogni delle imprese e del settore, senza alcuna reale concertazione con le rappresentanze. E’ un vecchio modo di procedere contro cui abbiamo protestato con forza il 27 novembre e contro cui siamo pronti a mettere in piedi nuove azioni eclatanti".
Terzo hot point evidenziato da Coldiretti è la necessità di definire un quadro normativo a favore della filiera corta e della valorizzazione del vero made in Tuscany.

Quando acquisti un prodotto alimentare leggi l’etichetta?

CONTRIBUTI PUBBLICI RICEVUTI NEL 2021 DA COLDIRETTI AREZZO

CONTRIBUTI PUBBLICI RICEVUTI NEL 2021 DA COLDIRETTI AREZZO DA CCIAA Arezzo – Siena, contributo di € 14.000 per Progetto “Strategie e sostegno del comparto agroalimentare della provincia di Arezzo – Valorizzazione, promozione e tutela

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi