164 Views

18 Luglio 2008
CINGHIALI: L’ALLARME CONTINUA

Molto è stato fatto per migliorare i rapporti tra cacciatori e agricoltori in provincia di Arezzo, ma l'emergenza è tutt'altro che superata. A causare i problemi più gravi sono i cinghiali, il cui abbattimento, nella stagione venatoria 2007-2008, è stato di13,531 capi contro i 16.380 previsti dalla Provincia di Arezzo. Il 61 per cento degli animali è stato abbattuto  nei distretti  (ATC) tramite le battute attuate dalle squadre, il restante 39%  nelle Aziende Faunistiche Venatorie, nelle Aziende Agrituristiche Venatorie,  nelle aree bianche e grazie agli interventi richiesti direttamente per l’art. 37 della L.R. 3/94 (1084 capi). I dati sono stati forniti nel corso dell'ultima riunione della consulta venatoria che, attraverso i dati di dettaglio, ha permesso di mettere a fuoco la situazione nelle tre Atc della Provincia: nell'Atc 1 gli abbattimenti sono stati   1816  ( -1025 rispetto al 2006/07); nell'Atc 2 2496   ( -363 rispetto al 2006/07); nell'Atc                  6325  ( 265 in più rispetto al 2006/07). L'incontro è servito a quantificare anche i danni prodotti dalla fauna selvatica alle colture: nel 2007 agli agricoltori sono andati  rimborsi che hanno sfiorato i 355.000 €, indennizzi che, per l'80%, sono serviti a ripianare i guai causati dai cinghiali, di gran lunga più devastanti dei caprioli (che hanno causato il 7% dei danni alle colture) e dei cervi (responsabili del 3 per cento dei raccolti andati perduti)
"Tutto ciò evidenzia - ha detto il direttore di Coldiretti Arezzo, Claudio Massaro - che la gestione della popolazione dei cinghiali nel territorio provinciale è tutt'altro che stabile e soddisfacente. La situazione è inoltre aggravata dalle previsioni, che annunciano un aumento della popolazione di questi animali, la cui densità è destinata a balzare  dal 7,26%  del 2007 al 12,63% per il 2008.
E' pertanto urgente e necessario  adottare sistemi e metodi che permettano di contenere il numero dei capi, anche attraverso attività di contenimento da estendere a tutto l'anno e non alla sola stagione venatoria". Massaro ha avanzato anche la proposta, sorretta da tanti consensi, di anticipare l'apertura della caccia alla prima domenica di settembre e di posticipare la chiusura al 31 gennaio. E per gli imprenditori un appello. "Chi ha problemi impellenti, può inoltrare richiesta di abbattimento/cattura urgente all'Atc di riferimento utilizzando lo strumento messo a disposizione dall’Art. 37 della Legge regionale n° 3/94. La richiesta può essere presentata tramite l'ufficio Coldiretti più vicino, compilando un semplice modellino" 
 
 
 
 

Quando acquisti un prodotto alimentare leggi l’etichetta?

CONTRIBUTI PUBBLICI RICEVUTI NEL 2021 DA COLDIRETTI AREZZO

CONTRIBUTI PUBBLICI RICEVUTI NEL 2021 DA COLDIRETTI AREZZO DA CCIAA Arezzo – Siena, contributo di € 14.000 per Progetto “Strategie e sostegno del comparto agroalimentare della provincia di Arezzo – Valorizzazione, promozione e tutela

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi